Arriva a Venezia una delle più influenti e discusse star del web che, come abbiamo raccontato anche in un articolo precedente, ha visto nascere il suo successo partendo da un blog.

Chiara Ferragni, l’influencer numero uno della moda secondo Forbes con 17 milioni di followers ed un fatturato di oltre 30 milioni di euro per i suoi brand TBS Crew e Chiara Ferragni Collection, è stata la protagonista dell’ottavo giorno della Mostra del Cinema di Venezia per la presentazione del documentario sulla sua vita Unposted.

Vestita con un lungo abito nero firmato Dior, emozionata senza perdere il suo appeal da Diva, la Ferragni ha catalizzato l’attenzione dentro e fuori dal red carpet insieme al marito Fedez ed alla sua tribù di famiglia con la madre, le due sorelle, la stilista Maria Grazia Chiuri e le sue amiche.

Unposted racconta la scalata al successo della Ferragni e mette in mostra il rapporto speciale con la madre e la sua spontaneità nel rapporto con i fan: in più, viene fuori il lato più simpatico di Fedez, che ironizza spesso sul perfezionismo della moglie.

Come accade non di rado quando si tratta della Ferragni, non sono mancate critiche e gossip a corredo di quest’evento: dalle perplessità rispetto allo spessore artistico del film, fino alla quasi censura del Codacons che ha proposto di non programmarlo nelle sale cinematografiche (dove verrà proiettato il 17, 18 e 19 settembre).

Dal punto di vista del business e del marketing, non si può assolutamente ignorare il fenomeno Ferragni: non è un caso che abbia attirato l’attenzione anche dell’Università di Harvard per la sua capacità imprenditoriale ed essere stata pioniera in ambito digitale muovendosi tra i confini online e offline.

E se la Ferragni stessa si augura che dal suo film Unposted venga fuori il messaggio di essere « determinate a realizzare i vostri sogni », per mettersi in azione per realizzare i propri sogni il consiglio di lettura perfettamente in linea è il libro Crush It di un altro imprenditore pioniere del digitale, Gary Vaynerchuk.