Siamo nel pieno dell’estate e delle vacanze sia per chi resta o viene in Italia, sia per chi va e viene dall’estero. Partenze e viaggi possono portare grandi benefici ed altrettanti problemi, ma di sicuro da oggi c’è un problema in meno per chi viaggia: il problema della lingua.

Google, infatti, proprio in questo periodo di vacanze ha introdotto delle novità importanti in Google Translate – l’applicazione gratuita di traduzione – che faranno felici sicuramente i turisti italiani e stranieri. L’app, infatti, oltre a supportare ad oggi oltre 88 lingue, ha potenziato la traduzione istantanea con la fotocamera.

Questo significa, per chi viaggia, avere la possibilità di inquadrare un’insegna, un cartello, un menu, un foglio o un qualsiasi testo in lingua straniera e tradurre immediatamente nella propria lingua madre o in un’altra lingua desiderata, consentendo una varietà di scelte senza precedenti nella storia dell’app.

Come se non bastasse, la nuova versione Google Translate dispone anche di un sistema di rilevazione automatica della lingua, risolvendo qualsiasi tipo di ambiguità in nazioni e Paesi che utilizzino più di una lingua contemporaneamente, senza contare le migliorie grafiche e la riduzione dei margini di errore nelle traduzioni.

Da segnalare anche il miglioramento della user experience: tutte le funzionalità di traduzione sono ora posizionate in basso nell’app, insieme alle funzioni di scansione, importazione e traduzione immediata del testo.

Esistono anche altre app utili per chi viaggia e va in vacanza, ma sicuramente Google Translate è una delle principali da avere per chi viaggia in un paese straniero e non è ancora fluente nella lingua del paese di destinazione.

E se Google Translate è un’ottima app a supporto dei viaggi “esteriori” che facciamo durante le vacanze, vogliamo consigliare il libro Il Nocciolo duro di Max Formisano e Giulia Fetto come “traduttore” del viaggio “interiore” che ognuno di noi può fare alla ricerca della parte più profonda ed importante di sé, un cammino verso il cuore dell’autostima ed un’avventura che capita a molti di affrontare in estate, magari favoriti da un viaggio fuori dai propri luoghi abitudinari.