Come si fa a mantenere i talenti nella propria azienda, senza correre il rischio di perderli?

I temi del talento, della sua scoperta e dell’allenamento del talento all’eccellenza hanno grande rilevanza sia nei dibattiti sulla crescita aziendale che sulla bibliografia sul business e sul management.

Non sempre, invece, viene posta la stessa attenzione a mantenere il talento oltre a coltivarlo, soprattutto quando si tratta di “mantenerlo in azienda”, creando le condizioni perché il suo livello di energia e di motivazione siano tali da voler restare in azienda.

In questo senso, è interessante il contributo apparso su IlSole24Ore riguardante l’azienda Carel, operante nel settore del condizionamento e della refrigerazione che, tramite le parole di Carlo Vanin, attuale responsabile Risorse Umane, ha individuato una soluzione interessante per non perdere talenti in azienda: la job rotation.

Interrogato sulla questione, Vanin ha riportato – dopo aver accennato alle problematiche relative alla definizione di talento ed alla ricerca di talenti preparati e motivati a Nord Est – che non solo i talenti sono attratti da fattori diversi dall’orario e dallo stipendio, ma anche che per una grande azienda come la Carel, con circa 1.700 ma hai situata in un centro di provincia come Brugine, spesso una soluzione molto apprezzata è lavorare per un periodo in una delle sedi estere (Croazia, Brasile Cina e Stati Uniti) e, soprattutto, una politica di job rotation per i più motivati.

Job rotation che, in sostanza, significa che ogni 3 anni le risorse adeguatamente formate cambiano area, fanno “altro” all’interno della stessa azienda, ricoprendo nuovi ruoli ed avendo nuovi stimoli. E questo avviene all’interno di un ambiente informale, basato sulla fiducia e non sul controllo che ha portato l’azienda a registrare una crescita del +20% rispetto al 2018 con ricavi di oltre 160 milioni di euro.

È vero che non tutte le imprese possono concedere alle loro risorse un periodo di lavoro in una delle loro sedi all’estero, ma è sicuro che la job rotation e l’organizzazione dell’ambiente possono essere un ottimo spunto per applicare da subito dei cambiamenti e non perdere i talenti nella propria azienda, o per attrarre di nuovi: il consiglio di lettura, per chi vuole farlo, è sicuramente il libro Scegliere le persone giuste di Claudio Fernandez Araoz.