A margine della cerimonia di consegna del Ventaglio da parte dell’Associazione stampa parlamentare, il presidente della Camera Roberto Fico ha fatto un annuncio molto importante e di grande rilevanza anche per la salute dell’ambiente.

La Camera dei Deputati diventerà plastic free. Era uno dei punti che avevamo detto di dover realizzare e dal 19 luglio sarà realizzato […] Sono molto soddisfatto, abbiamo ridotto gli sprechi che non ci sono più: oggi la Camera è un’eccellenza per trend di spesa.

Questa decisione comporterà quindi lo stop all’uso di plastica usa e getta e di prodotti monouso in tutte le aule di Montecitorio: a distanza di un anno, è stato pienamente accolto l’invito lanciato dal ministero dell’Ambiente Sergio Costa, che chiedeva a Fico ed all’onorevole Luigi Di Maio di diventare plastic free, liberando la Camera ed il ministero da ogni forma di plastica e creando i presupposti per un cambiamento ambientale su larga scala.

Un impegno che è stato accolto di buon grado come occasione di miglioramento ambientale e come possibilità di riduzione degli sprechi, come si evince dalle dichiarazioni dello stesso Fico:

Cosa succede quando cerchi di mettere in essere tutte le cose, tutti i temi che ci eravamo detti e che avevamo annunciato? Succede che la Camera diventa un organo molto più razionale dove tutto è controllato, dove non si spreca, dove non si riducono i servizi, ma al massimo si riducono alcuni sprechi, ma neanche più sprechi perché oggi potrei dire che alla Camera dei Deputati sprechi non ce ne sono più. 

E se il tema dello spreco è importante nel contesto della Camera, lo è altrettanto nel contesto aziendale, dove vigono logiche diverse e ancora più tangibili sotto diversi punti di vista.

A tal proposito, segnaliamo il valido lavoro di Patrizio Gatti nel libro Azzerare gli sprechi aziendali che con un approccio pragmatico consente di scoprire quella “fabbrica nascosta” all’interno di ogni azienda: una fabbrica, purtroppo, indaffarata a produrre sprechi e cose di scarso valore e che – una volta individuata e debellata – consente di azzerare gli sprechi e migliorare radicalmente la prospettiva aziendale.