Più di 15 anni fa Michael Jordan metteva piede per l’ultima volta su un campo di basket, ma ancora oggi il mondo è letteralmente ai suoi piedi.

La sua storica linea di scarpe da ginnastica ed il brand Nike Air Jordan ha infatti registrato ricavi totali per oltre 3 miliardi di dollari nel 2019, con un incremento di +10% rispetto all’anno precedente e non sembrano affatto temere la concorrenza.

Secondo i dati di Forbes, Jordan oltre ad essere campione indiscusso delle vendite delle scarpe da ginnastica, ha un margine davvero considerevole già rispetto al secondo classificato: il suo reddito netto delle vendite è di circa 130 milioni di dollari, mentre quello del secondo Lebron James è di “soli” 32 milioni, quattro volte meno. Al terzo posto si trova invece Kevin Durant con 26 milioni, mentre al quarto c’è Stephen Curry con 20 milioni.

Ecco qui la top-ten:
1. Michael Jordan (Nike Air Jordan) $130 ML 
2. LeBron James (Nike) $32 ML
3. Kevin Durant (Nike) $26 ML
4. Steph Curry (Under Armour) $20 ML
5. Kobe Bryant (Nike) $16 ML
6. James Harden (Adidas) $14 ML
7. Zion Williamson (Nike Air Jordan) $13 ML
8. Dwyane Wade (Li-Ning) $12 ML
9. Russell Westbrook (Nike Air Jordan) $12 ML
10. Kyrie Irving (Nike) $11 ML

Interessante anche notare che i primi 3 posti sono appannaggio di Jordan e della Nike, mentre solo al quarto posto si è posizionato un altro brand, Under Armour.

Diversi sono i fattori di questo strepitoso successo, che prosegue nonostante Jordan abbia come concorrenti campioni di basket attualmente al vertice delle proprie carriere, sono molteplici e vanno dal posizionamento, alla forte identità del brand, alla capacità di creare miti e collezionismo.

Se anche a te interessa comprendere i fattori che determinano simili successi strepitosi ed applicarli al tuo business, ti consigliamo di leggere uno dei libri bestseller di One Minute Club, Le 22 immutabili leggi del marketing di Al Ries e Jack Trout.