Una ricerca compiuta dalla Oxford University ha dimostrato che la pittura riesce a facilitare l’apprendimento nelle materie scientifiche e il rendimento scolastico dei bambini. Secondo la ricerca, l’82% degli alunni osservati, in età compresa fra i 5 e i 12 anni, ha manifestato una reazione positiva nell’andamento scolastico quando ha partecipato a laboratori artistici. Un’altra ricerca svolta da Psychology Today sostiene che i bambini risulterebbero stimolati anche dalle attività svolte all’aria aperta, che andrebbe a sviluppare il senso di sfida ed anche la fantasia.

Dati, questi, molto interessanti per stimolare l’apprendimento nei bambini e di cui gli adulti è bene che tengano conto. E così come esistono ricerche e metodi per l’apprendimento in giovane età, ci sono anche interessanti pubblicazioni per migliorare l’apprendimento degli adulti, soprattutto in fatto di “abitudini”.

Ad esempio Debora Conti, trainer PNL e coach, nel suo libro “Ascolta i grilli e scendi dall’ottovolante”, rivela le strategie da mettere in atto per liberarsi dai condizionamenti e dalle cattive abitudini, siano esse il fumo, il troppo cibo oppure la scelta ricorrente di partner sbagliati o di rapporti conflittuali. Il testo è molto semplice e divertente, va dritto al cuore dei problemi e indica con chiarezza un metodo per fare della felicità un’abitudine. 

La Conti ha il merito di descrivere le abitudini che le persone adottano più spesso e le circostanze più frequenti in cui ci si trova. Le abitudini sono delle azioni ripetute più volte, comportamenti che in principio sono stati messi in atto per soddisfare un bisogno e che ripetendoli hanno generato un percorso neuronale nel cervello, attivandosi poi in maniera automatica. Secondo l’autrice, qualsiasi azione volta a soddisfare un bisogno (star bene, rilassarsi, coccolarsi) rimane utile solo se compiuta per scelta e in piena libertà. Al contrario di un’abitudine non utile, che ci si accorge di non voler fare, e sottrae solo libertà.