Fallire da giovani è una scorciatoia per il successo: lo studio di Kellogg School | OneMinuteClub

« L’idea che si diventa più forti grazie al fallimento è qualcosa che le persone possono dire a se stesse in tempi difficili. Ma c’è qualche verità in tutto ciò? ».

Con questa domanda Benjamin F. Jones, professore di strategia della Kellogg School of Management, ha introdotto uno studio per fare chiarezza sul rapporto tra fallimento e successo, con ottime notizie per chi ha “fallito da giovane”.

Secondo lo studio condotto da Jones insieme ai professori Dashun Wang e Yang Wang, sembra proprio che chi ha avuto un “fallimento” ad inizio carriera, ha avuto poi maggior successo nel lungo termine.

Attraverso una ricerca condotta su giovani scienziati che non avevano ottenuto una borsa di studio (nello specifico, un tipo di sovvenzione del National Institutes of Health chiamata R01), Jones ed i suoi colleghi hanno infatti scoperto che, a distanza di 10 anni, proprio questi giovani scienziati “senza borsa di studio” avevano pubblicato articoli di maggior successo, rispetto a quelli che si erano qualificati ed avevano ottenuto in prima battuta la borsa di studio.

Nel lungo periodo, quindi, « i perdenti hanno finito per essere migliori » ha commentato Wang e le motivazioni di questo successo in seconda battuta sono, secondo i professori, di diverso tipo: 

  • La prima e più significativa motivazione è che la mancata borsa di studio ha fatto da “screening“, eliminando i ricercatori più “deboli” dalla professione e facendo emergere solo i più “forti”, disposti a non mollare e continuare nonostante l’insuccesso

  • Altre motivazioni, secondo Wang e Jones, sono legate alla capacità di gestire il cambiamento scegliendo collaboratori più influenti, variando le istituzioni, iniziando a studiare un argomento diverso o trasferendosi in un’area “calda” di ricerca

È possibile consultare lo studio e l’articolo completo sul sito insight.kellogg.northwestern.edu ed il consiglio di lettura, per chi vuole superare la paura di fallire ed avvicinarsi al successo dopo una prima battuta d’arresto, è Il libretto rosso del grande venditore del maestro dei venditori Jeffrey Gitomer.