Il 29 luglio è stato il giorno dell’Earth Overshoot Day, appuntamento fisso organizzato dalla Schneider Electric leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione. La compagnia ha deciso di promuovere la compatibilità con le risorse del nostro Pianeta, come modello a cui adeguarsi, per consentire alle aziende di avere successo nel lungo termine.

Di cosa parliamo quando diciamo Earth Overshoot Day? Con questo appuntamento si suole indicare il giorno dell’anno in cui la domanda umana di cibo, fibre, legno e assorbimento di anidride carbonica supera l’ammontare di risorse biologiche.

La Schneider Electric ha reso pubblico lo scorso 22 di luglio un White Paper, nel quale sono state diffuse in modo dettagliato le metriche che consentono di misurare la compatibilità del consumo di risorse e la diffusione della prosperità. Il documento è stato sviluppato in collaborazione con Global Footprint Network, un’organizzazione internazionale dedicata alla sostenibilità, che per la prima volta ha parlato del concetto di Impronta Ecologica.

I dati ci dicono che l’umanità “usa” le risorse del nostro pianeta quasi due volte in più rispetto alla capacità della natura di rinnovare le stesse risorse. Le emissioni di anidride carbonica rappresentano il 60% dell’impronta ecologica totale. E da quanto si è iniziato a celebrare l’Earth Overshoot Day, è stato riscontato quando questo evento venga costantemente anticipato.

Tornando al tema della sostenibilità bisogna considerare che i risultati non saranno visibili se non nel lungo periodo, inizialmente ci saranno investimenti impegnativi, che matureranno soltanto nel corso di un periodo di tempo più lungo.

In ogni caso, vanno trovate soluzioni che valgono la salute stessa del pianeta: se si riuscisse a spostare di soli 5 giorni la data di EOD, verrebbe raggiunto un equilibrio di risorse in linea con gli accordi di Parigi sul clima. La strada da battere passa per città, energia, cibo, popolazione e pianeta ed anche solo ridurre le emissioni di CO2 avrebbe un impatto importante.

Nel libro “Pensieri lenti e veloci” l’autore Daniel Kahneman, tenta di spiegare come lavora la mente umana ed il rapporto tra ciò che si pensa e decide a breve termine ed a lungo termine: sull’esempio dell’Earth Overshooting Day, ci sentiamo di consigliarlo a chi sta rimandando decisioni importanti nel lungo periodo e si sta focalizzando solo sui risultati parziali del breve periodo.