Accrescere le competenze in 21 minuti? Ecco come fare! | OneMinuteClub

Accrescere le competenze. Ormai è chiaro a (quasi) tutti e l’abbiamo detto più volte negli articoli: qualunque successo duraturo passa per il miglioramento delle proprie competenze. Che si tratti di competenze relazionali, competenze organizzative o competenze professionali, anche le persone di successo non possono “vivere di rendita” rispetto alle proprie competenze.

Non è un caso che il lifelong learning e l’apprendimento permanente siano da decenni una necessità per imprenditori, manager e professionisti: il mondo ed il mercato attuale non consentono di “accontentarsi” di quello che già sappiamo fare, ma ci stimolano a conoscere di più, a fare di più e meglio.

Come accrescere le competenze? Quali competenze scegliere per migliorare? Come si può sviluppare l’apprendimento permanente? In questo articolo risponderemo a queste domande e ti mostreremo come accrescere le competenze in 21 minuti!

Accrescere le competenze per combattere la concorrenza?

Quando si tratta di accrescere le competenze, può capitare di non sentirsi sicuri su quali competenze migliorare. In questo caso, esistono diverse possibilità di scelta: una di queste è di studiare la concorrenza. Osservando ciò che i nostri concorrenti sanno fare bene, possiamo scegliere con attenzione quali competenze migliorare.

Esistono diversi tipi di competenze, che vengono per lo più distinte in hard skills e soft skills.

  • Le hard skills possono essere considerate come le competenze professionali strettamente legate ad una determinata professione o ruolo, che richiedono specifiche conoscenze ed abilità per svolgerlo.
  • Le soft skills possono essere considerate invece come le competenze trasversali (ad esempio competenze relazionali e competenze organizzative) che, unite a caratteristiche individuali, fanno sì che le persone abbiano relazioni, risultati e performance di alto valore.

Se un primo criterio di scelta per accrescere le proprie competenze è studiare la concorrenza, un secondo criterio molto utile è sicuramente individuare la competenza hard o soft (o entrambe) da migliorare.

Accrescere le competenze professionali, le competenze relazionali e le competenze organizzative: i 3 tipi di competenze sconosciuti ai più

Introduciamo ora un’informazione molto importante, spesso ignorata quando si tratta di individuare le competenze.

Oltre alle categorie di hard skills e soft skills, è importante tenere presenti 3 tipi di competenze:

  • Competenze esplicite: sono le competenze organizzate in ordine e sequenza, che possono essere imparate in modo semplice e rapido. Sono quelle che, comunemente, si “studiano”, si fanno proprie e poi si possono insegnare.
  • Competenze paradigmatiche: sono le competenze apprese per induzione dall’ambiente sociale circostante, da esempi, regole e paradigmi consolidati nel tempo e che possono essere utili entro certi limiti.
  • Competenze esperienziali: sono le competenze imparate “sul campo”, spesso difficili da apprendere perché non ancora “sistematizzate” dal punto di vista didattico.

Avere chiari questi 3 tipi di competenze, consente di comprendere meglio molte dinamiche aziendali: uno dei casi più comuni, infatti, è quello dove la difficoltà nell’accrescere le competenze consiste nel fatto che l’imprenditore o i manager hanno sviluppato competenze esperienziali forti “sul campo”, ma non hanno svolto un lavoro di decodifica per renderle competenze esplicite, così che i collaboratori possano apprenderle ed applicarle.

Inoltre, diventa molto più semplice accrescere le competenze professionali, le competenze relazionali e le competenze organizzative. A tal proposito, seguendo il catalogo di One Minute Club creato sul modello di gestione del business del Dr Roberto Castaldo, è possibile sfogliare sia la categoria Competenze, che le categorie Marketing, Persone ed Errori di Gestione per accrescere le competenze relazionali ed organizzative.

Accrescere le competenze ed il lifelong learning in 21 minuti

Una volta individuate le competenze da migliorare, come è possibile farlo in maniera veloce e duratura?

Per rispondere a questa domanda, soffermiamoci per un attimo sul lifelong learning e sull’apprendimento permanente.

Forse non tutti sanno che il lifelong learning è un concetto apparso già nei primi anni del Novecento e che è stato anche formalizzato dall’Unione Europea negli anni ’90. In sostanza, con questo termine si indica il processo individuale di auto-orientamento ed autoeducazione che avviene per tutta la vita. E, soprattutto, si insiste sulla capacità di apprendere sia in contesti formali, non formali che informali.

Quello che però conta è non solo apprendere continuamente, ma anche applicare continuamente.

Ecco perché, nel modello di acquisizione delle competenze del Dr Roberto Castaldo, vengono distinte tre fasi:

  1. Fase istruente: raccolta di informazioni e conoscenza del contesto.
  2. Fase allenante: applicazione delle informazioni apprese nella fase istruente.
  3. Fase di peak performance: picco prestazionale con lo sviluppo della competenza dall’allenamento e dall’istruzione.

Usando questo modello diventa più semplice accrescere le competenze e si ottengono risultati con maggiore velocità.

Questo modello è alla base anche degli abstract dei libri che trovi su One Minute Club che puoi apprendere ed applicare in soli 21 minuti.

E puoi farlo già ora e gratis, scaricando uno dei 3 abstract che abbiamo riservato per te.

Clicca qui per scaricare gratis l’abstract ed accrescere le tue competenze!