È la seconda regione meno abitata d’Italia – dopo la Valle d’Aosta – ha 305 mila residenti ed ha registrato un calo della popolazione negli ultimi anni, ma con l’iniziativa appena avviata il Molise si propone un rilancio non solo demografico, ma anche economico oltre a fornire un’opportunità interessante a chi ha un’idea imprenditoriale.

Il 16 settembre è stato infatti pubblicato il bando dell’iniziativa Reddito di Residenza Attiva per ripopolare 106 Comuni molisani con meno di 2 mila abitanti ciascuno.

L’iniziativa prevede la possibilità di andare a vivere ed aprire un attività in uno dei 106 Comuni molisani, ricevendo dalla regione un contributo fino a 24.000 euro in 3 anni.

I requisiti per accedere all’iniziativa ed ai fondi sono molto semplici: bisogna aver compiuto 18 anni, essere attualmente residenti in un Comune con più di 2mila abitanti ed essere cittadini italiani, comunitari o in possesso di un permesso di soggiorno.

Soddisfatti questi requisiti, bisogna presentare un progetto d’impresa con un piano economico e finanziario: anche in questo caso non ci sono limiti al tipo di progetto, che può essere commerciale, artigianale e persino nomade digitale, a patto di trasferire la sede legale ed operativa in uno dei Comuni molisani.

Oltre a questi requisiti e previa approvazione di una commissione esaminatrice, i beneficiari del Reddito di Residenza Attiva dovranno rispettare due obblighi: uno è la rendicontazione annuale, l’altro è mantenere la residenza nel Comune molisano per almeno 2 anni successivi al termine dei 3 anni dell’erogazione del reddito.
« Questa iniziativa è nata per porre un freno al triste fenomeno dello spopolamento. E seppur consapevoli che le agevolazioni contenute nell’Avviso Pubblico non rappresentano la panacea di tutti i mali, siamo altrettanto convinti che possano costituire un primo passo verso la rivitalizzazione dei nostri piccoli borghi », ha commentato così su Facebook Antonio Tedeschi, il consigliere della Regione Molise promotore dell’iniziativa.

C’è tempo fino al 30 Novembre 2019 per presentare la domanda e, se ci stai facendo più di un pensierino, il consiglio di lettura per decidere al meglio è il libro Perché dell’autore Dan Ariely che approfondisce la logica nascosta delle motivazioni.