Nelle economie emergenti, gli smartphone e i social media stanno cambiando le interazioni sociali, oppure le persone parlano online con le stesse persone con cui parlano offline?

È questa la domanda intorno alla quale Pew Research Center ha condotto un interessante studio su 28.122 adulti in 11 Paesi con economie emergenti nei quattro continenti, con risultati che mostrano un impatto positivo degli smartphone e dei social per le interazioni e la diversità.

Lo studio è stato condotto in Venezuela, Libano, Sud Africa, India, Colombia, Kenya, Messico, Filippine, Vietnam, Giordania e Tunisia ed ha evidenziato che le persone che usano regolarmente gli smartphone interagiscono molto di più con persone di gruppi differenti, rispetto alle persone che usano telefoni “vecchi” o non hanno un telefonino.

Si va dal +6% di adulti nelle Filippine fino al +19% in Messico rispetto ai rapporti con gruppi religiosi differenti, con interazioni “allargate” che coinvolgono non solo gruppi religiosi differenti, ma anche gruppi e persone con idee politiche diverse, di altre etnie e di livello socio-economico diverso.

Da rilevare il divario in Messico, dove al +19% di adulti che interagiscono con persone di diverse religioni, si aggiunge anche il +24% di adulti che interagiscono con persone di altri gruppi politici.

In comune, invece, in tutti i Paesi c’è l’uso dello smartphone, con il 91% degli utenti che lo usa per inviare messaggi sulle app di messaggistica o sui social, con percentuali elevate ma inferiori per ricercare informazioni (in particolare su salute ed istruzione) ed in terza battuta per acquistare o vendere prodotti e servizi.

Certo, non mancano i lati negativi dell’uso dello smartphone (uno su tutti, il fatto che polarizza le opinioni e lo scontro verbale, specialmente in politica), ma quello che emerge dallo studio è che, a parità di età, istruzione e sesso, l’uso dello smartphone e dei social è predittivo di una maggiore diversità sociale.

Una diversità che può essere un fattore molto utile nel business: a tal proposito, per comprenderne i principi e metterli in pratica, la lettura consigliata è il libro di Mark Buchanan dal titolo Nexus che spiega perché la natura, la società, l’economia e la comunicazione funzionano allo stesso modo.