Tempo di esami estivi ed organizzare il proprio tempo per arrivare preparati all’appuntamento diventa una necessità: addirittura nel Regno Unito alcuni esperti – in particolare, gli insegnanti della Queen Annes’ School e i neuroscienziati dell’Università del Regno Unito –  hanno di recente messo a punto una sorta di guida per dare agli studenti consigli utili per ottimizzare il tempo.

Questi consigli sono di diverso tipo ed abbracciano anche momenti diversi dallo studio: dal dormire bene al fare una buona prima colazione, dai genitori che devono evitare interrogatori il giorno dell’esame fino alla curiosa scoperta di annusare un limone per inviare segnali all’ippocampo associati alle emozioni ed alla memoria.

Come organizzare il tempo senza disperdere energie?

In materia di ottimizzazione del tempo, non possiamo non citare David Allen ed il suo libro Fatto e Bene.

Secondo Allen è importante annotare i propri pensieri, un’azione che aiuta a tenere sgombra la mente. Inoltre, è utile mantenere sempre ordinata la propria agenda e suddividere gli impegni in categorie per agevolare il lavoro.

Facciamo un esempio pratico: uno studente può iniziare con il liberare la mente, focalizzandosi su quello che ha intenzione di fare. Poi si sceglie un progetti, una materia o un argomento da sviluppare e lo inserisce in un apposito indice. In seguito, dedica del tempo al controllo del progetto, per studiare la situazione e riflettere su quali azioni compiere. Cominciando a dedicare un’ora al giorno a questo processo, lo studente fa poi una verifica ogni settimana.

Un sistema di questo tipo funziona molto bene quando si usano dei contenitori da svuotare una volta che gli impegni sono portati a termine; oltre a ciò, Allen consiglia di tenere sempre aggiornato il proprio sistema in base ai cambiamenti che avvengono nella vita.

Non ci resta che augurare buoni esami agli studenti ed una lettura potenziante come David Allen.