Porto di Napoli: il digital hub del futuro che innova | OneMinuteClub

Il porto di Napoli prova ad innovarsi e rinnovarsi, diventando il centro di un hub dell’innovazione, aprendosi a diverse soluzioni hi-tech di altissimo livello. L’obiettivo è la digitalizzazione dell’industria portuale, nel tentativo di creare non soltanto nuovi posti di lavoro, ma anche attrarre nuovi operatori.

Nelle scorse settimane la community NAStartUp e la compagnia marittima Alilauro hanno dato vita all’Innovation Seafront Summit, un appuntamento a cui hanno partecipato esperti di settore per trasferire il know-how tecnologico delle aziende hi-tech e delle startup al porto di Napoli.

Agli imprenditori sono state presentate diverse aziende che operano nel settore del food e della ristorazione con l’intenzione di dare vita e innovazione al porto di Napoli: un’ottima opportunità per rilanciare un’area che, dal punto di vista economico, potrebbe portare profitti alla città, facendo anche da incentivo al turismo ed agli investimenti.

« Questa è un’occasione davvero speciale. NAStartUp, con la sua community, accelera uno degli asset più importanti della città e prova a farlo mettendo insieme tutti gli attori, facendoli dialogare per trovare nuove soluzioni smart », queste le dichiarazioni di Antonio Prigiobbo, director di NAStartUp, a conferma dell’intento partecipativo ed innovativo dell’iniziativa.
« Bisogna trovare più modelli di investimento nelle startup, non solo il pubblico e il privato. Il Porto è il centro della città ed è un punto strategico fondamentale che deve essere sfruttato al massimo, sogniamo un porto come una grande Startup. Siamo contenti della folta presenza di oggi che dimostra ancora una volta la fiducia data al nostro progetto e siamo fieri di essere arrivati alla 55esima edizione dopo 5 anni e mezzo di attività che ha fatto nascere più di 300 startup nel territorio ».

Non possiamo che salutare con fiducia questa iniziativa, augurando che sia l’inizio di un grande processo di innovazione per il porto di Napoli.