Passaggio generazionale: al via la 10° edizione del premio “Di Padre in Figlio” | OneMinuteClub

Il passaggio generazionale è probabilmente nella top 3 delle sfide che le piccole e grandi imprese italiane devono affrontare ad un certo punto della loro storia.

Si è soliti dire che la prima generazione crea, la seconda mantiene e la terza distrugge, ma per fortuna non è sempre così ed il premio Di Padre in Figlio”, giunto alla sua 10° edizione, ne è un’importante testimonianza nel panorama imprenditoriale italiano.

Promosso dalla LIUC Business School in collaborazione con la banca Credit Suisse e la multinazionale della consulenza KPMG, il premio “Di Padre in Figlio” punta a dare riconoscimento ad imprenditori ed aziende italiane giunte almeno alla seconda generazione, con un fatturato superiore ai 10 milioni di euro e sede legale in Italia

Quest’anno le candidature sono aperte da Mercoledì 8 Luglio 2020 e verrà premiato il miglior passaggio generazionale in ben 8 categorie: apertura del capitale e/o della governance, donne al comando, fratelli al comando, giovani imprenditori, innovazione, internazionalizzazione, piccole imprese, storia e tradizione, alle quali si aggiunge un premio finale per il vincitore in assoluto. È possibile partecipare liberamente e gratuitamente iscrivendosi sul sito www.premiodipadreinfiglio.it 

«Quando la sopravvivenza è a rischio, le famiglie imprenditoriali si mobilitano per preservare l’impresa, il cui valore non è solo economico, ma anche affettivo. Le imprese familiari si rivelano più efficienti e parsimoniose e, poiché meno indebitate, sono più solide e capaci di fronteggiare situazioni di crisi», queste le parole del Prof. Salvatore Sciascia, Ordinario della Scuola di Economia dell’Università LIUC, incaricata di curare la parte scientifica e organizzativa del progetto.

Sotto il profilo del Performance Management, un punto di vista importante sul passaggio generazionale è quello del trasferimento delle competenze: nella maggior parte dei casi, infatti, il padre ha acquisito competenze esperienziali “sul campo”, ma non sa come renderle “esplicite”, ovvero come trasferirle ai figli ed allo staff. Nel caso dei figli, spesso vengono da un percorso di studi che ha fornito loro competenze esplicite, che tuttavia vanno integrate con l’esperienza “sul campo”.

Se anche tu hai a che fare con il passaggio generazionale e vuoi migliorare questa delicata fase aziendale, clicca qui per scoprire il primo evento online italiano dedicato al Performance Management.