Le formule matematiche della felicità secondo Harvard Business School | OneMinuteClub

Parlare di felicità di questi tempi potrebbe sembrare un azzardo, ma non la pensa così il professore 

Arthur C. Brooks della Harvard Business School di Boston. Proprio in questi giorni Brooks, che ad Harvard tiene un corso sulla felicità, ha infatti avviato una rubrica sul giornale online The Atlantic dal titolo How To Build a Life, come costruire una vita.

Nell’articolo inaugurale, ripreso anche dalla rassegna stampa de Il Corriere della Sera, Brooks smarca subito eventuali dubbi sull’opportunità di scrivere proprio ora di felicità e di studiare la felicità in genere.

Rispetto all’opportunità, sostiene che proprio la “quiete involontaria” di queste settimane ha portato molte persone a riflettere sulla propria vita in maniera più profonda, fuori dal tran tran quotidiano.

Quanto allo studio della felicità, lo stesso Brooks mostra come ormai da 30 anni, grazie al lavoro dei premi Nobel Daniel Kahneman e Angus Deaton e di Martin Seligman gli studi scientifici sulla felicità siano ormai un campo importante ed autorevole.

E proprio a proposito di un approccio scientifico alla felicità, Brooks propone come ipotesi di lavoro 3 equazioni sulla felicità, da prendere come le basi della “meccanica” della costruzione della vita.

  1. Benessere del soggettivo = Geni + Circostanze + Abitudini
  2. Abitudini = Fede + Famiglia + Amici + Lavoro
  3. Soddisfazione = Ciò che si ha ÷ Ciò che si vuole

Dal nostro punto di vista, lo spunto più interessante offerto da queste 3 equazioni è distinguere tra ciò che non è del tutto sotto il proprio controllo (geni, famiglia…) da ciò che è sotto il proprio controllo (abitudini, ciò che vogliamo…), poiché maggiore è la nostra attenzione a ciò che possiamo controllare, maggiore sarà la nostra motivazione

Se ti interessa il tema e vuoi scoprire come applicare queste equazioni alla tua vita ed al tuo business, clicca qui per partecipare al prossimo webinar GRATUITO del Dr Roberto Castaldo.