La realtà aumentata arriva su Google Maps ed è pronta a rivoluzionare l’esperienza degli utenti.

Dopo l’annuncio ed una prima sperimentazione esclusiva sugli smartphone Pixel di Google, finalmente l’estensione di Maps è stata resa disponibile per i dispositivi Android e iOS ed è quindi pronta a diffondersi su larghissima scala.

Con questa nuova funzione, inizialmente disponibile per i tratti da percorrere a piedi, gli utenti visualizzano – invece delle classiche indicazioni grafiche – schermate e frecce in 3D della strada da prendere per giungere a destinazione. In più, Maps segnalerà automaticamente tutti gli ostacoli come buche e pali, oltre ad indicare punti di interesse lungo il tragitto ed informazioni sull’ambiente circostante come musei, monumenti ed altre attrattive.

Per attivare questa funzione, basterà andare alla voce di menu “Indicazioni” e selezionare l’opzione “Live View” nella parte inferiore dello schermo. Fatto questo, appariranno sullo schermo le informazioni in realtà aumentata e sarà possibile sperimentare tutte le funzioni corrispondenti.

Un aggiornamento di Google Maps che preannuncia una rivoluzione in termini di esperienza dell’utente – con l’aggiunta anche di prenotazioni di voli e hotel direttamente dalla voce “I tuoi loghi”, disponibile anche offline – e che verrà introdotto e distribuito nelle prossime settimane in maniera graduale su tutti i dispositivi compatibili.

Per sapere se il proprio dispositivo è compatibile, è utile scaricare la versione più recente di Google Maps, ma soprattutto verificare che sia possibile scaricare l’app Google AR Core.

L’introduzione della realtà aumentata in Google Maps è un esempio molto interessante di innovazione di prodotto unita ad una serie di funzioni che espandono l’esperienza dell’utente e, caratteristica non scontata, sono disponibili gratuitamente per gli utenti.

Se anche interessa capire come far leva sul “gratis” per portare redditività al tuo business, il consiglio dalla nostra libreria è proprio il libro Gratis del famoso giornalista e direttore della rivista Wired Chris Anderson.